AIPD: tentativo di bliz contro l'integrazione scolastica

Rassegna Stampa e News su Scuola e Sindacato

AIPD: tentativo di bliz contro l'integrazione scolastica

Messaggiodi edscuola » 3 luglio 2011, 12:26

Ancora un tentativo di bliz contro l’integrazione scolastica contenuto nella nuova manovra finanziaria

L’AIPD ha letto con apprensione alcune bozze dell’emanando Decreto Legge sulla manovra urgente da 47
miliardi di euro nelle quali, oltre ai paurosi tagli alle spese sociali, sanitarie e alla scuola, si continua ad
infierire sull’integrazione scolastica degli alunni con disabilità.
Infatti in tali bozze compare un art. 7 nel quale, tra l’altro, si stabilirebbe che le classi frequentate da
alunni con disabilità con rapporto di sostegno di 1 ad 1, non avrebbero più il tetto massimo di 20 alunni,
ma verrebbero trattate alla stregua di tutte le altre.
Una bozza circolante ieri sera, che sembra definitiva, non presenta più questa norma che comunque
sarebbe stata incostituzionale.
Se così fosse ci si rallegra perché a seguito di lagnanze informali fatte pervenire al Ministero si è evitato
l’ennesimo colpo di mano alla qualità dell’inclusione scolastica per motivi di tagli indiscriminati.
Continua invece a suscitare perplessità, non fugate, la nuova norma che prevede la nomina a titolo
gratuito di un rappresentante dell’INPS nelle “commissioni mediche di cui all’art. 4 della legge n. 104/92,
nei casi di valutazione della Diagnosi Funzionale costitutiva del diritto all’assegnazione del docente di
sostegno”.
La norma è del tutto incomprensibile in quanto, senza tener conto delle commissioni di accertamento
dell’handicap ai fini scolastici di cui al DPCM n° 185/06, confonde le commissioni di accertamento
dell’handicap (di cui all’art. 4 legge n. 104/92) con le unità multidisciplinari della ASL che redigono la
Diagnosi Funzionale (di cui all’art. 3 comma 2 del DPR del 24/02/1994) e con il gruppo di lavoro che valuta
la diagnosi funzionale per la formulazione del PEI (di cui all’art. 12 comma 5 legge n. 104/92).
Inoltre risulta errata l’affermazione che sia la diagnosi funzionale, redatta dalla sola ASL, a precostituire il
diritto alla nomina di insegnanti di sostegno, dal momento che invece tale diritto risulta dalla valutazione
collegiale che confluisce nel PEI (Piano Educativo Individualizzato), come espressamente indicato dalla
Legge n° 122/10 all’art. 10 comma 5.
Si confida che in sede di approvazione parlamentare del Decreto Legge questa confusione venga fugata.
Quanto alla norma del provvedimento che ribadisce in organico di diritto il rapporto di un insegnante ogni
due alunni con disabilità, doverosamente il Governo ha dovuto esplicitare il diritto alla deroghe ristabilito
dalla sentenza della Corte Costituzionale n° 80 del 2010.
Interessante, ma ambigua sembra invece la norma che prevede la “priorità agli interventi di formazione di
tutto il personale docente sulle modalità di integrazione degli alunni disabili”. A parte l’uso del termine
“alunni disabili” e non di quello ufficiale di “alunni con disabilità” previsto dalla convenzione ONU del
2006 e ratificata dal Governo italiano nel 2009, la norma è ambigua dal momento che prevede tale
aggiornamento allo scopo di ridurre la richiesta di ore eccessive di sostegno.
Tale norma sembra dettata più dalla necessità di ridurre la spesa per il sostegno che da quella di una
effettiva, seria ed obbligatoria formazione iniziale e ricorrente in servizio dei docenti curricolari per una
vera presa in carico da parte loro del progetto di integrazione scolastica, da sempre auspicata dall’AIPD e
dalle altre associazioni aderenti alla FISH.
Perché la norma risponda alle richieste delle associazioni e non tanto a quelle del Ministro Tremonti,
occorrerà verificare in concreto quale tipo di aggiornamento verrà predisposto, per quale durata
formativa, con quali operatori esperti e con quale piano organizzativo che raggiunga tutti i docenti di
tutte le classi che accolgono alunni con disabiltà.
A tale sforzo imponente il Ministero non ha saputo far fronte in tanti anni, sarebbe miracoloso che ci
riuscisse nei due mesi prima dell’apertura del prossimo a.s.

Avv. Salvatore Nocera
Responsabile dell'area Normativo‐Giuridica dell'Osservatorio dell’AIPD sull’integrazione scolastica

Mario Berardi
Presidente AIPD Nazionale
edscuola
Site Admin
 
Messaggi: 19823
Iscritto il: 3 ottobre 2007, 11:30

Torna a Educazione&Scuola© - Rassegna Sindacale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron