Le iniziative per la contestazione del concorso a cattedre

Rassegna Stampa e News su Scuola e Sindacato

Le iniziative per la contestazione del concorso a cattedre

Messaggiodi edscuola » 27 novembre 2012, 7:47

COORDINAMENTO NAZIONALE PER LA SCUOLA DELLA COSTITUZIONE
Le iniziative per la contestazione del concorso a cattedre

Nell’ultima riunione del Coordinamento era stato deciso, di intesa con il coordinamento nazionale dei precari, di chiedere anzitutto il ritiro del concorso e nello stesso tempo, a sostegno dell’iniziativa politica per il ritiro del concorso, di impugnare il bando del concorso.

L’iniziativa politica per il ritiro del concorso si è intrecciata in questi giorni con l’iniziativa contro le 24 ore per la scuola secondaria e con la contestazione della 953, Sono tutti aspetti della stessa politica di attacco alla scuola pubblica e di disconoscimento del lavoro prestato nella scuola.

A livello politico l’On. De Pasquale (PD) ha mantenuto l’impegno che si era assunta a Firenze in un incontro con il movimento dei precari di Firenze; ha difatti presentato l’emendamento di sospensione del concorso per le classi di concorso con le graduatorie ancora in corso di esaurimento.La responsabile scuola del PD, Francesca Puglisi, ha scritto sabato 17 novembre scorso in PUBBLICO un articolo di forte critica al Ministro Profumo, giudicando questo concorso costoso e lesivo dei diritti dei precari (V. allegati)

Il concorso però va avanti; sono state presentate oltre 300 mila domande ed il numero continuerà ad aumentare, grazie ai ricorsi per l’allargamento dei requisiti e per il 17 e 18 dicembre è prevista la preselezione.

Pensiamo pertanto che il movimento dei precari debba unitariamente fare pressione, utilizzando anche le contraddizioni nell’ambito della maggioranza che sostiene il Governo, per ottenere il ritiro del concorso.Il Coordinamento Nazionale ovviamente è disponibile per tutto il necessario appoggio.

Per quanto riguarda il ricorso per l’annullamento del concorso, finora il coordinamento è stato carente.

Difatti siamo a conoscenza di due ricorsi collettivi: uno promosso dal movimento di Firenze con la mia assistenza (il ricorso è stato già notificato e quindi presto sarà depositato al TAR), l'altro proposto dal movimento di Napoli.

Non si sa nulla delle altre realtà. Sollecitiamo quindi l’invio di informazioni in merito al fine di poter dare maggior concretezza al necessario coordinamento; difatti,fermo restando che l’azione legale presuppone una forte iniziativa politica, sarebbe in ogni caso opportuno che l’azione legale fosse in qualche modo coordinata sia nell’impostazione dei motivi di illegittimità del bando sia per la discussione congiunta davanti al TAR.

p. il Coordinamento nazionale
Corrado Mauceri
edscuola
Site Admin
 
Messaggi: 19823
Iscritto il: 3 ottobre 2007, 11:30

Torna a Educazione&Scuola© - Rassegna Sindacale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

cron